Ho sognato di te come si sogna della rosa e del vento.

Alda Merini


Le Edizioni Sahel nascono per rispondere a un sogno.

Un sogno che era ed è anche un bisogno di realizzarsi e realizzare un’impresa che fosse propositiva proposta culturale ed economica per il Paese.

Sahel ha scelto di esserci e lavorare per quell’Italia minuscola, costituita da spiriti creativi e pure temerari, che come noi hanno scelto di lottare, di resistere anziché andarsene o rinunciare.

Come ogni impresa, donchisciottesca in misura più o meno elevata, Sahel ha un debole per gli autori esordienti, che, come lei, sognano e trovano in questa casa editrice l’opportunità di esistere nel vastissimo mondo delle pubblicazioni italiane.

Seguiamo gli autori alla scoperta dell’editoria, costruendo insieme le forme del libro (dalla grafica, alle immagini, alla redazione) così che ottengano il miglior prodotto possibile, che gli permetta di proporsi al lettore come autore, sì esordiente, ma comunque con un libro editorialmente valido.

Le Edizioni Sahel sono un’impresa artigiana che con i propri autori costruisce pubblicazioni e percorsi.

E ci piace essere bergamaschi, dar voce alla cultura di questa terra, dare spazio a chi a Bergamo cresce e lavora, con i ragazzi, con i bambini, con la gente e per essa.

La nostra passione per Bergamo non ci pone altresì frontiere geografiche o culturali, perché ogni libro è un viaggio: nel realizzarlo e nel leggerlo disegna confini sempre nuovi.

Un giorno leggemmo la frase “Vogliamo la luna e l’avremo” nella home page di una compagnia teatrale davvero rampante con produzioni e progetti di caratura, …ci imprimemmo quelle parole dentro… poi scoprimmo che la compagnia si era sciolta, persino con strascichi giuridici… allora ecco, forse la luna la lasciamo incastrata nella volta celeste, ma… non smetteremo di guardare il cielo!


Foto di copertina di Lacie Slezak da Unsplash